Blog

APPLAUSI PER SARZILLA E IOGNA-PRAT IN WORLD CUP A KARLOVY VARY

Entrambi alla loro seconda presenza in una tappa del circuito di Coppa del Mondo di triathlon, Michele Sarzilla e Luisa Iogna Prat,  il 13 settembre a Karlovy Vary, in Repubblica Ceca, hanno ottenuto prestazioni importanti, tenuto presente il parterre de roi al via!

La gara si è disputata su distanza olimpica, Michele è giunto ventesimo, Luisa ventiseiesima. Peccato per Alessia Orla, che nella stessa gara, dopo una caduta in zona cambio che le è costata moltissime posizioni, ha deciso per il ritiro.

“Una gara di altissimo livello – ha raccontato coach Simone Diamantini -, il 90% dei partecipanti che la settimana prima ha corso il Mondiale era presente. Insomma, più una WTS che una World Cup, logica conseguenza di un calendario amputato e rivoluzionato più volte. Una gara molto dura. Per questo era importante tornare a casa con un buon feedback.  Michele e Luisa, due (quasi) esordienti visto che prima di questa avevano partecipato ad una sola tappa di WC, hanno risposto in modo solido: è un periodo che stanno nuotando bene, hanno però pagato l’inesperienza di nuotare con 30-40 atleti dello stello livello, avendo anche un pettorale non eccezionale. E’ ovvio che si debbano abituare a gareggiare in competizioni di questo tipo, nelle quali i particolari fanno la differenza. Infatti, entrambi usciti dalla zona cambio hanno avuto qualche incertezza poi pagata. I secondi (persi) diventano gruppi di bici… e tutti e due si sono trovati nel terzo gruppo. Hanno comunque tenuto duro. Michele ha poi corso fortissimo ed è riuscito a rientrare nei top 20, che è un risultato importante; Luisa ha avuto problemi soprattutto i primi 5 chilometri per poi riprendersi e arrivare 26^ in una gara in cui si sono contati più di 23 ritiri e prestazioni e controprestazioni eccellenti. Basti pensare che l’iridata 2019 Katie Zaferese è uscita dalle top 10. Alessia è caduta in zona cambio, perdendo secondi importanti; era nel gruppo di riferimento con l’altra azzurra Verena Steinhauser, che ha fatto una grandissima gara soprattutto nella parte bici-corsa; Alessia, purtroppo già alla fine del primo giro, si è staccata dal gruppo e da lì la decisione di fermarsi. Peccato, perché soprattutto lei stava passando un periodo di grandissima condizione. Forse le è mancata un po’ di determinazione…”

Foto: Tommy Zaferes / World Triathlon


Related Posts